Consiglio Scientifico

DDK

Derrick de Kerckhove

Wanze, Belgio

Sociologo belga naturalizzato canadese, dopo gli studi col maestro Marshall McLuhan, ha intrapreso un’approfondita ricerca sulla capacità dei media di influenzare la realtà percettiva umana, partendo dall’assunto che i mezzi di comunicazione di massa sono definibili in realtà come delle psicotecnologie. Ha inoltre elaborato i concetti di iperpertinenza del web, in relazione al grado di pertinenza che specifiche connessioni stabiliscono con i contenuti che veicolano, e di webnwess, ovvero una specifica dimensione cognitiva, vera e propria forma di intelligenza connettiva costituita dagli utenti connessi a internet. Ha diretto dal 1983 al 2008 il McLuhan Program in Culture & Technology dell’Università di Toronto. È Professore Universitario nel Dipartimento di lingua francese all’Università di Toronto. Attualmente è docente presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II dove è titolare degli insegnamenti di “Sociologia della cultura digitale” e di “Marketing e nuovi media”. È supervisor di ricerca presso il PhD Planetary Collegium M-Node.Tra le sue opere: Brainframes (1991; trad. it. 1993); Skin of culture (1995; trad. it. 1995); The architecture of intelligence (2001; trad. it. 2001); McLuhan for managers: new tools for new thinking (2003). Ha ricevuto dal Governo Francese il decoro con l’ordine di “Les palmes académiques” ed è stato un membro del Club di Roma dal 1995. Nella crisi del 2003, fu nominato co-presidente come rappresentante Canadese per commercio ICT tra Canada e Italia dal Dipartimento delle Relazioni Estere in Canada e dal Ministero delle attività produttive del Governo Italiano. Per il 2004/2006 fu nominato Presidente Papamarkou in Tecnologia ed Educazione al Congresso della Biblioteca a Washington.