INWARD

Dalle prime esperienze dei suoi giovanissimi fondatori (1990-1998) hanno inizio informalmente le prime attività, piccoli eventi con enti pubblici locali, ed una prima fase di produzione (1998-2003), che si implementa e migliora per capacità di relazione e di referenza culturale sul tema, con progetti più importanti e con il primo coinvolgimento di componenti regionali e nazionali nel pubblico, privato e no profit (2004-2008), approdando così all’attenzione degli organi del Governo italiano, con un nutrito insieme di reti sul territorio nazionale, la cui operosa attività è in grado di affermarlo come punto di riferimento per un rilancio del fenomeno (2009-2011), producendo un modello italiano di valorizzazione, riconosciuto dai massimi rappresentanti degli ambiti governativo, accademico, privato, sociale, artistico ed associativo, attualmente in opera di accrescimento, consolidamento ed esportazione estera (dal 2011 al presente).

INWARD
è oggi un osservatorio che svolge ricerca e sviluppo nell’ambito della creatività urbana (street art, urban design, graffiti, muralismo), operando con un proprio modello di valorizzazione nei settori Pubblico, Privato, No profit ed Internazionale, cui corrispondono le unità operative Governi, Università, Artisti, Aziende, ACU, Sociale, Europa e Mondo che alimentano il lavoro delle sue piattaforme permanenti Italian Graffiti, Inopinatum, Streetness, DoTheWriting!, CUNTO, Urban Creativity Alliance e Creatività Urbana.

INWARD
ha coordinato il Tavolo Tecnico Nazionale sulla Creatività Urbana per la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù, istituito presso il CNEL – Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, elaborando il primo modello italiano di valorizzazione presentato il 21 luglio 2011 agli Stati Generali della Creatività Urbana presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, a quarant’anni esatti dal primo articolo giornalistico sul fenomeno dei graffiti uscito sul New York Times il 21 luglio 1971.


Nato come acronimo di International Network on Writing Art Research and Development, INWARD sta per (inward) “rivolto dentro di sè” e per (in ward) “nel quartiere”, centrando la propria missione sugli effetti visivi della cultura urbana. Il suo logo è infatti una freccia, l’elemento decorativo tipico dei primi graffiti, che riflette su di sè creando il fenomeno, ritagliando un distretto in uno spazio più ampio e disegnandovi infine l’occhio di un osservatore.

 

 

Settori

INWARD svolge le proprie azioni di valorizzazione della creatività urbana, tra ricerca e sviluppo, nei settori Pubblico, Privato, No Profit e Internazionale.
Le attività sono quindi contraddistinte dai seguenti colori, con l’aggiunta del campo neutro per le comunicazioni che riguardano l’identità dell’osservatorio.

giallo-public.png

Pubblico

rosso-private.png

Privato

no-profit-verde.png

No Profit

azzurro-international.png

Internazionale

grigio-inward.png

INWARD